#neilibrilamiastoria | Il consiglio di Serena Casini, la Libreria Volante

tristram shandy

Vita e opinioni di Tristram Shandy di Laurence Sterne

Sperimentale, vitale, giocoso.

Durante l’estate di due anni fa ero in vacanza con un mio carissimo amico che mi fece una testa tanta con questo libro (e con le sue prediche). È un amico molto più grande di me, mi diceva che bisogna ascoltare il tempo che passa, smettere di credersi immortali e rendersi conto che a 34 anni, quanti ne avevo io allora, si è effettivamente a metà del cammino della nostra vita, come diceva Dante.  Anche se nella società di oggi chi è più grande cerca di toglierci la possibilità di diventare adulti, facendoci fare gli stagisti fino a 40 anni, non dobbiamo avere paura di crescere. Di questa predica ho fatto tesoro e finalmente ho letto il libro che il mio amico mi consigliava. È un libro molto scherzoso, fatto di continue parentesi che si aprono una dentro l’altra, perché il protagonista della storia sta cercando di ingannare il tempo, di rimandare il più possibile il momento della fine. È un romanzo sul tempo che passa. La cosa più buffa del libro è l’incipit: inizia con il concepimento del protagonista, nato per una distrazione dei suoi genitori. Dopo questa scena divertente iniziano 200 pagine che parlano di tutt’altro, un’enorme parentesi che si chiude con il ritorno alla nascita di Tristram Shandy. A un certo punto il protagonista, parlando con la ragazza di cui è innamorato, dice «Jenny mentre ti sto parlando, il tuo ricciolo, che tu arricci intorno al dito, sta diventando grigio». Questo è il momento più malinconico di tutto il romanzo, che nel resto della narrazione è molto ironico e scherzoso, ma è anche il momento più importante: quello in cui l’autore mette in guardia il lettore sul tempo che scorre e prima o poi finisce. Per questo ho deciso di farmi coraggio, aprire una libreria e diventare mamma. Con mia figlia mi sto rendendo conto meglio anche di un’altra grande lezione di questo romanzo: il gioco e l’ironia aiutano a ingannare la morte. La mia bambina apprende tutto attraverso il gioco; se questo è il primo metodo attraverso cui impariamo vuol dire che è qualcosa che abbiamo radicata dentro di noi e dobbiamo sfruttarla per vivere meglio. Nel libro c’è una scena memorabile a riguardo: il protagonista scopre di essere gravemente malato, un giorno la morte si affaccia per venire a prenderlo e lo coglie mentre lui sta raccontando l’ennesima sciocchezza al suo migliore amico. La morte, vedendolo ridere e scherzare, non riesce a credere che lui sia malato, pensa di essersi sbagliata e semplicemente se ne va.

Serena Casini, la Libreria Volante

 

>>> Leggi l'intervista a Serena <<<

Prenota il libro su GoodBook.it e decidi in quale libreria ritirarlo.

Titolo: Vita e opinioni di Tristram Shandy
Autore: Laurence Sterne
ISBN: 9788817129190
Editore: BUR
Collana: Classici
Pagine: 622

Facebook Twitter Share on Google+
Inserito il Consigli di lettura, Interviste, News;
Taggato #neilibrilamiastoria, Serena Casini, La libreria volante, La vita e le opere di Tristram Shandy, Laurence Sterne;
Inserito 3 anni fa

Inserisci il tuo commento

Assicurati di aver effettuato l'accesso per poter commentare . Accedi Qui.

Commenti

Nessuno ha ancora commentato questa pagina.

RSS feed per i commenti a questa pagina | RSS feed per tutti i commenti

Newsletter
Rimani sempre aggiornato e in contatto con noi

Twitter

© 2019 La scimmia dell'inchiostro

Login

×