L'editore del mese | Intervista a Maurizio Ceccato sul nuovo progetto grafico di Giulio Perrone Editore

copertine2

Giulio Perrone Editore è una casa editrice romana di biografie, romanzi e libri di viaggio, che da sempre dedica particolare attenzione ai narratori italiani contemporanei. Per festeggiare insieme i loro tredici anni di vita abbiamo deciso di dedicargli la rubrica "L'editore del mese" di Febbraio.

Dopo la recensione disegnata della loro ultima uscita nella collana "Passaggi di dogana" (A Parigi con Colette di Angelo Molica Franco) e l'intervista di Paola del blog Quisilegge all'editore Giulio Perrone, oggi facciamo quattro chiacchiere con Maurizio Ceccato - noto grafico editoriale a cui Perrone ha affidato la sua nuova veste grafica.

 

GoodBook.it -  Data la tua impareggiabile esperienza nell’ambito della grafica editoriale, quant’è importante la copertina per il successo di un libro? E quanto lo è un logo riconoscibile per il successo di un editore?

Maurizio - Per identificarlo e rendere unico un prodotto si usa il logotipo, una crasi tra "parola" (logos) e "lettera" (typos). Questa "figura" è la rappresentazione sintetica, il numero primo, che ci permette di riconoscere, in modo reiterato, ciò che desideriamo. La grafica permette, a chi guarda, di vedere organizzati dei concetti base affidabili come il nome dell'autore, il titolo e il logo; e non credo che la scelta di acquistare un prodotto piuttosto che un altro sia slegato dai propri gusti personali e culturali. Il successo poi, è un'invenzione moderna, un'estensione di consensi entropici e non credo che certifichi la riuscita di un'opera.


pove logo

Studi per il nuovo logo di Giulio Perrone Editore

 

GoodBook.it - Guardandoci un po' attorno ci sembra che in editoria ci siano due atteggiamenti discordanti: da un lato le grandi case editrici che puntano su copertine accattivanti, ma poco coerenti o poco riconducibili a un unico progetto, dall’altro le case editrici indipendenti che invece cercano di creare una propria identità attraverso progetti grafici molto caratterizzati (pensiamo ad esempio a Hacca Edizioni, con cui tu collabori, o al nuovo progetto grafico di Minimum fax). Secondo te qual è la strategia migliore?

Maurizio - Non esiste una formula magica. Non vale qui il teorema di Archimede, semmai il paradosso di Zenone è più affine e ne infittisce la trama, come il paradosso di Achille e la tartaruga, che afferma: se Achille (detto "pie' veloce") venisse sfidato da una tartaruga nella corsa e concedesse alla tartaruga un piede di vantaggio, egli non riuscirebbe mai a raggiungerla, dato che Achille dovrebbe prima raggiungere la posizione occupata precedentemente dalla tartaruga che, nel frattempo, sarà avanzata raggiungendo una nuova posizione che la farà essere ancora in vantaggio; quando poi Achille raggiungerà quella posizione nuovamente la tartaruga sarà avanzata precedendolo ancora.

GoodBook.it - Raccontaci del nuovo progetto di Perrone Editore. Partiamo dal logo: come l’hai pensato? È stato difficile lavorare su un naming così complesso e legato all’identità dell’editore?

Maurizio - Gli archetipi sono delle figurazioni indivisibili, primitive, dalle quali si può attingere ma, essendo dei "primi" esemplari, essi non possono attingere che a loro stessi. Il labirinto è una di queste figure simboliche che ho sommato a un Delta rovesciato: come un filo a spirale, traccia una strada nelle narrazioni.

 

GPE logo MC bit2Il nuovo logo di Giulio Perrone Editore

 

GoodBook.it - Invece per le copertine che soluzioni grafiche hai deciso di adottare? Quanto è presente la componente grafica? Che colori hai usato?  A quali riferimenti culturali ti sei rifatto?

Maurizio - La macchina del Tempo è un'invenzione antica. Combinare generi diversi di comunicazione visiva attraverso le epoche tipografiche è divenuta una necessità. Oggi abbiamo Internet che è una grossa Time Machine. Possiamo andare avanti e indietro a cercare luoghi, personaggi e storie lontani, remoti senza mai muoverci dalla nostra sedia, senza mai fare un passo. Per Giulio Perrone Editore ho recuperato il design di inizio secolo Novecento (El Lissitski, Bauhaus, Piet Mondrian), della tipografia a tre colori (nero, rosso e bianco) con l'asprezza della carta non plastificata, nuda e ruvida e ho remixato il tutto con dei mezzi semplici come matita, pennarelli, tempera su carta, uno scanner e un personal computer.

 

prove copertine2

Studi per le nuove copertine di Giulio Perrone Editore

 

GoodBook.it -  Nel tuo ripensare graficamente la casa editrice, qual è la cosa a cui non hai potuto rinunciare per raccontare la tradizione di Giulio Perrone che ha già 13 anni di vita alle spalle?

Maurizio - Se i libri sono dei "parallelepipedi di carta" ( come dice Stefano Scalich) l'obiettivo di un editore è comunicare delle idee attraverso i contenuti di questi oggetti. La forza di un progetto grafico, di una comunicazione visiva, si misura dalla forza del committente, dell'editore/imprenditore su quanto intenda scommettere, con la propria intelligenza più che col proprio portafogli, nel coinvolgere altre forze nella riuscita di un'insieme, un tutto che abbia una quadratura funzionale. Un'alchimia rara quando forma e contenuto intrecciano i loro percorsi senza perdere piume.

GoodBook.it - C’è una copertina fra quelle di Perrone a cui hai lavorato a cui sei più affezionato? Perché?

Maurizio - "Il termine affezione nel linguaggio comune è usato nel significato di affetto, inteso come un sentimento di benevolenza verso il prossimo, di intensità minore della passione" (Wikipedia). Per ogni singola traccia, fissata su un foglio, che trasformasse l'impalpabilità delle idee in una forma, abbiamo usato la marcatura della passione. Nessuno escluso.

 

 

Facebook Twitter Share on Google+
Inserito il Interviste;
Taggato #editoredelmese, Giulio Perrone Editore, Maurizio Ceccato, GoodBook.it;
Inserito 7 mesi fa

Inserisci il tuo commento

Assicurati di aver effettuato l'accesso per poter commentare . Accedi Qui.

Commenti

Nessuno ha ancora commentato questa pagina.

RSS feed per i commenti a questa pagina | RSS feed per tutti i commenti

Newsletter
Rimani sempre aggiornato e in contatto con noi

Twitter

© 2018 La scimmia dell'inchiostro

Login

×