Il consiglio del blogger | Fuori piove di Serena Ricciardulli

Ricciardulli

Oggi Giuditta del blog Giuditta legge ci consiglia un libro edito da Bonfirraro Editore, attraverso l'intervista all'autrice Serena Ricciardulli.

Giuditta - Cominciamo dai saluti.

Serena - Cara Giuditta ci salutiamo qui al bar davanti al gate perché sto per partire per New York … Sarà il destino chiacchierare da qui … Ma del resto noi un po’ come le nostre amiche possiamo chiacchierare ovunque…

Giuditta - Ma chi sono le cinque amiche, fantasticamente fantastiche, di cui parla Serena Ricciardulli? Se siete pronti a scoprirlo, prendete un ombrello e seguiteci. Contrariamente al titolo Fuori piove (edito da Bonfirraro, casa editrice siciliana a cui do il benvenuto sul blog, perché è la prima volta che mi occupo del loro catalogo, tutto da scoprire) il libro di esordio di Serena Ricciardulli è un romanzo fresco e solare, in cui il sorriso di cinque donne e la forza con cui affrontano le traversie della vita è una carica di ottimismo e di buonumore. Quel “fuori” del titolo allude forse a ciò che accade fuori dallo spirito di solidarietà e di amicizia che tiene avvinte tra loro, non senza momentanee rotture o silenzi, Anna, Lory, Tina, Marta e Laura? Ma se piove, basta un ombrello… e l’ombrello (come nella bellissima immagine di copertina di Lidia Cucciniello) non è quel sentimento costante e continuo su cui le cinque donne, e i loro compagni, sanno di poter contare e affidarsi in ogni maltempo che ciascuna di loro è destinata ad affrontare?

SerenaFuori è una parola che amo molto… è legata all’idea di scoperta, di movimento, di imprevedibilità… ma soprattutto è imprescindibile dall’idea di dentro, quindi intimità, mondo interiore, affettività. Dentro e fuori, la vita è fatta di queste due dimensioni: quello che siamo si incontra con la vita che d’altra parte contamina il nostro modo di essere e percepirsi. E poi piove, perché la pioggia è qualcosa che accade e ci sono molti modi per viverla, puoi ripararti, aspettando che finisca, puoi camminare riparata dell’ombrello o puoi farti bagnare vivendoti quell’esperienza, ma al di là di cosa decidi di fare la variabile è sentirsi comunque al sicuro, nella certezza dei legami profondi che restano nonostante tutto.

Giuditta - Serena, prendiamo un ombrello e andiamo incontro alle cinque donne, protagoniste del tuo romanzo? Donne diverse sotto tutti i punti di vista, che guardano al mondo, alla vita e agli affetti in maniera differente, persino opposta. Sulla diversità e la reciprocità hanno cementato il loro rapporto di amicizia, che tu descrivi con dolcezza, partecipazione ma anche fine e introspettivo realismo. Non sono amiche allo stesso modo, proprio come avviene nei gruppi. Ci sono empatie, precedenti e vissuti che rendono anche le relazioni diversificate al loro interno. Come si comporterebbe ciascuna di loro sotto la pioggia? Credo che sia la situazione giusta, un bel temporale estivo che sorprende tutti e tutto, per descrivere Anna, Lory, Tina, Marta e Laura: insieme eppur diverse. 

Serena - Beh, questa è una domanda divertente! Credo si comporterebbero come hanno affrontato la vita! Anna è come sua madre non ha mai comprato un ombrello. Laura ne ha ovviamente più d’uno intonato con la situazione ma in realtà vorrebbe tanto riuscire a camminare senza e sa di avere bisogno di Anna per farlo. Tina ha un ombrello grande, che ripari anche chi è con lei e Lory ha decisamente una mantella impermeabile, l’ombrello è troppo poco di sinistra! E Marta dai… è facile… lo dimentica sempre certa che qualcuna delle altre lo abbia. Ma sono sicura che nessuna di loro si faccia fermare dalla pioggia, specialmente se è mercoledì in orario aperitivo!

Giuditta - Ci sediamo in un tavolo vicino per origliare i loro discorsi? Il tuo romanzo è pieno di vita, quella fragile e vera che sostanzia l’esistenza di tutte noi. Le piccole eccezionalità delle giornate, i dissapori della routine, la profondità degli affetti che si riscoprono dopo i momenti di difficoltà, i piccoli grandi rivolgimenti che cambiano la vita, nel bene e nel male, le decisioni da prendere, le occasioni perdute o lasciate andare via, le sorprese, positive e negative. Che cosa si raccontano le cinque donne, nell’aperitivo del mercoledì? E chi di loro cinque, scoprendo che siamo interessate ai loro discorsi, ci inviterebbe al loro tavolo? le altre sarebbero disposte ad accoglierci e come? Perché la freschezza delle protagoniste di Fuori piove è nella normalità che rappresentano, nella vivacità e veridicità dei loro comportamenti, che fanno scattare il desiderio di poterle incontrare davvero e avere la fortuna e la gioia di essere accolte tra loro: perché noi donne abbiamo bisogno di una rete solidale per i salti dalle altezze che la vita ci impone, no?

Serena - Ti risponderò raccontandoti come le ho incontrate nella mia immaginazione, perché queste donne mi sono comparse ad una ad una, per gradi, un passo per volta. Anna è stata la prima ma in realtà è l’ultima che ho conosciuto, è uno spirito libero, una specie di “randagia”, che osserva e tira le fila a distanza, si nasconde per proteggersi mostrando solo quello che riesce a gestire, mi ha attratta da subito ma conoscerla è un processo molto intimo. La prima quindi è decisamente Laura, la più aperta, almeno all’apparenza, accogliente e calda, quindi se fossimo sedute a un tavolo vicino alle “streghe“ sarebbe lei l’aggancio, senza nessuna ombra di dubbio. Tina le farebbe da spalla ma con cautela, la famiglia va protetta… Lory riconoscerebbe la nostra curiosità nel conoscerle ma anche il nostro timore nell’entrare in un mondo così intimo, del resto tanto tempo fa anche lei ha durato la stessa fatica… Marta parlerebbe di continuo e sicuramente non farebbe caso a noi…  ma se Laura ci invitasse al loro tavolo ci guarderebbe di traverso… per qualche istante… poi continuerebbe a parlare di sé e dei suoi guai… Così me le immagino o forse no … così so che sono… da qualche parte … chissà dove!

(Continua a leggere l'intervista sul blog Giuditta legge)

 

Prenota Fuori piove online e ritiralo nella tua libreria di fiducia.

Titolo: Fuori piove
Autore: Serena Ricciardulli
ISBN:  9788862721585
Editore: Bonfirraro
Collana: Romanzo B.

Facebook Twitter Share on Google+
Inserito il Consigli di lettura, Interviste;
Taggato Fuori piove, Serena Ricciardulli, Bonfirraro, Giuditta legge;
Inserito 5 mesi fa

Inserisci il tuo commento

Assicurati di aver effettuato l'accesso per poter commentare . Accedi Qui.

Commenti

Nessuno ha ancora commentato questa pagina.

RSS feed per i commenti a questa pagina | RSS feed per tutti i commenti

Newsletter
Rimani sempre aggiornato e in contatto con noi

Twitter

© 2017 La scimmia dell'inchiostro

Login

×